L'ORCHESTRA TASCABILE


DI CHE COSA SI TRATTA

    L’Orchestra Tascabile è un progetto ideato nel 2013 da Claudio Brizi e Giulio Giurato. Nato dal reperimento di alcuni rari strumenti di grandissimo pregio e interesse storico, cercando nei mercati antiquari e nelle principali biblioteche del pianeta è stata trovata una grande quantità di musica da camera, da salotto e da grande sala, la maggior parte della quale, oltre a non essere stata eseguita in epoca moderna, è di ottima scrittura e di piacevole ascolto.
    Le formazioni possibili, grazie alla polifonia dei due strumenti base, il pianoforte e l’harmonium d’arte, riescono a coprire tutta la gamma dei registri e dei timbri della grande orchestra. Alle due grandi tastiere si uniscono spesso archi (dal duo al quintetto) e talvolta fiati e voci, con effetti stupefacenti per espressività, potenza e pulizia sonora.


clicca l'icona per vedere e sentire l'Orchestra Tascabile in alta qualità

    Alcune colonne sonore contribuiscono alla valorizzazione delle pellicole mute di inizio Novecento per le quali furono scritte e che riacquistano espressività e drammaticità proprio grazie alle esecuzioni dal vivo della musica pensata appositamente per quel film.
    Gli strumenti della collezione Brizi sono ottimamente conservati, e il Maestro ne ha curato personalmente l’accordatura e la messa a punto.

 La versatilità delle formazioni e del repertorio permettono di personalizzare l’offerta in vari programmi con l’harmonium d’arte:
1) solo Concerto, con repertorio molto ampio tra trascrizioni e brani originali tratti i più celebri autori;
2) Conferenza del Prof. Emilio Sala sul Cinema muto ed esecuzione dal vivo di musiche originali sotto la proiezione
3) Guida all’ascolto a cura del musicologo Prof. Pier Paolo Bellini ed esecuzione completa del Concerto in re minore K. 466 di Mozart
4) Spettacolo multimediale tra Cinema e Concerto, dal vivo in concerto con sette esecutori: pianoforte, harmonium, due violini, viola, violoncello e contrabbasso, con proiezione di film e utilizzo di riprese video in diretta.
5) Altre possibilità si possono concordare col committente
 


PROGETTI

"LE FILM D'ART"

"ALL'OPERA"

"SINFONIA IN SALOTTO"
 

MUSICHE

Saint-Saëns: “L’Assassinat du Duc de Guise” op. 128
(eseguito in diretta come colonna sonora durante la proiezione dell’omonimo film muto del 1908)
Mozart: Concerto per Pianoforte e Orchestra in re minore KV 466
(archi a parti reali, riduzione dei fiati per Harmonium di Cèsar Franck)
Musiche trascritte da Opere (Don Giovanni di Mozart, Mosè e Guglielmo Tell di Rossini, Un Ballo in Maschera, Rigoletto e Traviata di Verdi, Madama Butterfly di Puccini, ecc. ecc.), trascrizioni d’epoca di Sinfonie da Mozart, Beethoven, Schubert, Mendelssohn, Tchaikovskij, Mahler, ecc.), musica da camera originale e trascritta (Saint-Saëns, Franck, Schubert, ecc.), musiche originali e trascritte da colonne sonore cinematografiche eseguite durante la proiezione, ecc. …
 


Esempi tra i PROGRAMMI POSSIBILI:

Saint-Saëns: L’Assassinat du Duc de Guise op. 128
(eseguito in diretta come colonna sonora durante la proiezione dell’omonimo film muto del 1908)


clicca sull'icona per vedere altre scene del film "L'assassinat du Duc de Guise"
con l'Orchestra Tascabile che esegue dal vivo a Berna le musiche di Saint-Saens

* * *
Mozart: Concerto per Pianoforte e Orchestra in re minore KV 466
(archi a parti reali, riduzione dei fiati per Harmonium di Cèsar Franck)

DURATA
Circa 70 minuti

ESECUTORI
Claudio Brizi, Harmonium d'Arte e Direzione
Giulio Giurato, Pianoforte
Quintetto d'archi

LUOGO
Sala con spazio palco adeguato a sette persone, maxi schermo e proiettore; in caso si volessero strumenti storici, con una cifra concorrenziale insieme all’Harmonium può essere trasportato da Claudio Brizi un magnifico pianoforte Erard Gran Coda del 1847, in perfette condizioni, con accordatura compatibile tra gli strumenti.

COSTI
Da definire in base alla vicinanza di altri concerti

INTERAZIONI POSSIBILI

Abbiamo constatato di persona l’interesse dei ragazzi a questo tipo di proposta; in collegamento con ogni concerto, quando possibile, si può ipotizzare un’esecuzione per le scuole, di vario ordine e grado, per diffondere la conoscenza della storia del cinema e delle prime funzioni delle colonne sonore, e soprattutto per fare ascoltare dell’ottima musica, profonda ma contestualizzata in una forma facilmente fruibile ed apprezzabile.

CHI SIAMO


 


Claudio Brizi, diplomato in Organo e Composizione organistica, ha tenuto oltre 2000 concerti in tutta Europa, Messico, Stati Uniti e Giappone, ospite di prestigiose istituzioni musicali. Come solista e solista/direttore ha interpretato le più importanti composizioni per organo o clavicembalo e orchestra ed è regolarmente invitato da orchestre e festival internazionali. Particolarmente attratto dal repertorio cameristico, collabora abitualmente con musicisti di fama internazionale.
Ha inciso oltre cento CD spaziando dal tardo Rinascimento all’Avanguardia. La stampa specializzata internazionale ha espresso i più lusinghieri giudizi sui suoi lavori.
Da molti anni cura particolarmente lo studio delle espressioni musicali del nostro tempo collaborando con celebri compositori. Attivo egli stesso sia come compositore che come arrangiatore, riceve regolari commissioni da parte di festival ed associazioni musicali. Si occupa di organaria ed ha al suo attivo la progettazione di diverse decine di strumenti in Italia, Germania e Giappone. Dall’anno 2000 dispone inoltre di un claviorgano di sua concezione con il quale ha realizzato numerose registrazioni discografiche – entusiasticamente accolte dalla Critica: “… C. Brizi ha una capacità sovrumana di gestire la polifonia…” (Mostly Classic – 6.2003) – e numerose tounées per prestigiosi cartelloni. É profondamente impegnato in ricerche riguardanti il mondo poco conosciuto degli strumenti a tastiera “Non-Standard” (ad esempio l’organo La Grassa di Trapani) e di quelli ibridi (Claviorgano, Harmonium-Célesta, Harmoniumklavier) di cui è appassionato collezionista.
E’ titolare della cattedra di Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio di Cosenza ed ha tenuto corsi di perfezionamento e master class presso istituzioni musicali ed universitarie in Germania, Spagna e Giappone. Dal 2000 è Professore di Organo e Clavicembalo alla prestigiosa Kusatsu Summer Music Academy in Giappone.

Giulio Giurato si è diplomato in Pianoforte a Bologna; già durante gli studi si era distinto per la sua musicalità in vari concorsi. Si è perfezionato con Jörg Demus e in musica da camera con Antonio Ballista, Giovanna Musiani, Riccardo Brengola e Boris Bekhterev. La sua attività didattica spazia dall'insegnamento strumentale e teorico alla divulgazione musicale, con concerti guidati per studenti e adulti, incontri sulla poesia e sull’arte e la musica. Insegna Musica da Camera nel Conservatorio di Parma. Svolge un’intensa, apprezzata e ininterrotta attività concertistica dal 1984, sia come solista che come camerista. Si è esibito con grandi attori di Teatro e Cinema in spettacoli di poesia e musica: Giulio Bosetti, Riccardo Cucciolla, Roberto Herlitzka, Giancarlo Giannini, Paola Gassman, Ugo Pagliai. Intensa è la sua attività di camerista in varie formazioni quali lo SchuberTrio e, ininterrottamente dal 1990, nell’apprezzato duo pianistico con Paola Borganti. Si è esibito con successo in Egitto, in vari Paesi europei, nelle principali città italiane e in importanti rassegne, riscuotendo ovunque importanti riconoscimenti. Nel 1995 è stato invitato ad esibirsi in Svizzera al prestigioso Festival Internazionale di Lucerna dall’Orchestra da Camera “Accademia Bizantina” diretta da Günter Pichler, primo violino del quartetto Alban Berg. Nel ‘98 ha collaborato col grande chitarrista Alirio Diaz. Dallo stesso anno in poi ha suonato diverse volte in concerto a quattro mani con Jörg Demus, collaborazione che ha segnato profondamente la sua musicalità; il duo ha suscitato vivissimi apprezzamenti di pubblico e critica: “Grande successo del concerto del celebre pianista viennese e del suo allievo Giulio Giurato … nella Fantasia in fa minore di Schubert … Demus e Giurato ci hanno riconsegnato un affresco di stupefacente bellezza, di solidità tecnica, profondo lirismo e pienezza sonora…” (Il Giornale di Vicenza).” Il suo repertorio spazia da Bach a Shostakovich, ed ha eseguito in concerto circa 300 composizioni diverse tra cui oltre un’ottantina tra concerti, sonate solistiche e da camera, quintetti, trii e altri pezzi importanti. Sue registrazioni dal vivo radiofoniche e televisive sono andate in onda su RAI Radiotre Suite e su TV2000 via satellite e digitale terrestre. Ha scritto Jörg Demus sul secondo disco dell’opera integrale da camera di Marco Enrico Bossi: “Carissimo Giulio, ho risentito il disco di Bossi e devo aggiungere ancora una cosa: il tuo contributo è eccellente! Si nota già nei “preludi” pianistici dei primi pezzi, dove si sente una personalità musicale che sa fraseggiare e declamare... Tu sei veramente l’anima della vostra interpretazione...”.
 


Ariccia, aprile 2015: Claudio Brizi e Giulio Giurato con gli archi del Conservatorio "S. Giacomantonio" di Cosenza


 



 


Contatti: giulio.giurato@gmail.com


HOME